Archive for June, 2012

L’attenzione al mondo, a certe condizioni

“Con tutti i device a disposizione, stiamo costruendo davvero una cultura della distrazione?”. Mathew Ingram, su PaidContent, se lo chiede in modo un po’ retorico. La sua risposta è, come sempre, un invito al buon senso. Partendo dallo j’accuse di  Joe Kraus, partner di Google Ventures, Ingram ricorda che questo tipo di “bandierina”, dai toni […]

L’iperlocale e le tre mosse per sopravvivere

Mentre i grandi gruppi editoriali sono costretti a riprogettarsi e i giornali regionali tendono a scomparire, la dimensione iperlocale – sviluppata online – comincia a dare qualche segnale positivo. Emma Knight raccoglie alcuni dei casi di successo. Attraversando orizzonte, strategie e organizzazione di ciascuna di queste realtà, costruisce un elenco breve di regole utili alla sostenibilità […]

Persi in 140 caratteri

“Basta con queste regole sull’uso di Twitter”, suggerisce Rebecca Greenfield su The Atlantic. Soprattutto basta con questo continuo indicare ai giornalisti come usare i 140 caratteri. “E’ tempo dell’anarchia su Twitter” Quella della Greenfield è una provocazione. Con l’ironia, risponde ai decaloghi che stanno provato a scrivere le regole di comportamento da tenere su Twitter, […]

Cose che impattano qui

  “Mentre tecnologia, mercati e comportamenti definiscono la futura connessione globale, i loro effetti si sentiranno molto di più a livello locale”. Per questo, dice Jon Kingsbury di Nesta, è un buon esercizio provare a immaginare che cosa sarà l’informazione iperlocale tra cinque anni. Lo spazio locale – ha suggerito in un panel di una conferenza […]