Le parole sono importanti

feminicidioQualunque cosa oggi sarebbe stata convenzionale, non abbastanza, e poi perché solo oggi?

Ma ho cambiato idea, o meglio: posso farlo a modo mio.

Condivido il post più interessante tra quelli che ho visto circolare nella giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Nella giornata che dovrebbe servire a  raccontare ogni anno i passi in avanti  fatti nella battaglia collettiva (che è battaglia culturale) contro il fenomeno.

È un pezzo curato da Matilde Paoli, della redazione Consulenza Linguistica dell’Accademia della Crusca: indaga la nascita e la diffusione del termine “femminicidio”.

Il link è qui: i perché di una parola.

A un certo punto, nel tempo, nell’uso e nella scelta del termine per indicare la violenza, è cambiato qualcosa: «Non si tratta solo di una parola in più, allora, per quanto densa di significato, ma anche e soprattutto di un rovesciamento di prospettiva, di una sostanziale evoluzione culturale prima e giuridica poi.»

La seconda parte del testo è un articolo di Rosario Coluccia dello scorso maggio: «Se una società genera forme mostruose di sopraffazione e di violenza – dice – bisogna inventare un termine che esprima quella violenza e quella sopraffazione.»

Ecco, in questi due passaggi c’è tutto quello che credo valga la pena dire oggi. Che poi è quello che vale ogni giorno.

C’entrano i comportamenti, i modelli culturali, le storie personali, le norme, l’educazione. Ma so anche che c’entrano le parole.

Nella vita di tutti i giorni, di più se è per mestiere, le cose da raccontare hanno un proprio peso: è una responsabilità.

E le parole, anche quelle sono importanti.

2 thoughts on “Le parole sono importanti

  1. Pingback: Le parole sono importanti. Sara Lorusso per la ...

  2. Pingback: Femminicidio: da dove nasce questa parola | DON...

Lascia un commento